Osservazione ad Asiago

Dopo alcune visite nel corso dell'anno (vedi la galleria fotografica), quest'occasione era particolarmente interessante visto che abbiamo avuto la possibilità di trascorrere parte della notte in compagnia di professionisti.

Il ritrovo era a cima Ekar alle ore 21, il dott. Ochner è già attivo al telescopio Schmidt da 92cm per le operazioni preliminari. La serata è perfetta, limpida e serena come se ne vedono poche in questa stagione, anche il seeing sarebbe risultato eccezionale.

Le osservazioni attraverso un computer, senza porre l'occhio direttamente alla luce del telescopio, lasciano un po' spiazzati, almeno per noi astrofili è un modo insolito di osservare. Ci troviamo sotto alla cupola e ne sentiamo solamente i movimenti.

E' tutto estremamente interessante, da una postazione comoda e al riparo dal freddo l'astronomo ha la possibilità e tutti gli strumenti utili per comandare e controllare ogni movimento del telescopio anche se non è mancata una vista in loco dello strumento.

Il dott. Ochner è sempre gentile e disponibile nel rispondere a tutte le nostre domande e curiosità, rientrati in postazione di controllo la prima immagine si forma dopo pochi secondi sul monitor: la nebulosa Laguna nella costellazione del Sagittario.

Il dettaglio lascia tutti a bocca aperta. Vengono fatte alcune riprese di calibrazione e poi le pose vere e proprie nei tre colori principali (verde, rosso, blu), i software dedicati si occuperanno poi di sommare i canali per rendere l'immagine a colori.

Dopo M8 il telescopio viene puntato verso M16 e anche qui il risultato è entusiasmante. Terminate le riprese anche di questa nebulosa è la volta di M27 la Dumbbell Nebula. Il Dettaglio è impressionante.

C'è stato il tempo di una breve visita al grande telescopio Copernico da 182cm dove alcuni professionisti erano al lavoro, senza disturbarli abbiamo seguito per alcuni minuti le loro operazioni.

A conclusione della serata Paolo Ochner ci ha reso disponibili i file grezzi delle riprese, (noi abbiamo eseguito le somme) che potete vedere nelle immagini qui sopra.

Un sentito ringraziamento al dott. Paolo Ochner e a Nicola Marconi che ci hanno offerto questa possibilità.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo il tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti